Il Prolasso Della Valvola Mitrale nel Cavalier King Charles Spaniel

Il Prolasso Della Valvola Mitrale nel Cavalier King Charles Spaniel 

La Valvola Mitrale è una delle quattro Valvole del Cuore. Formata da due lembi (cuspidi), separa l’atrio sinistro dal ventricolo sinistro e con il suo movimento di apertura e chiusura assicura la progressione del sangue dall’atrio sinistro al ventricolo sinistro, per garantire che il sangue scorra in una sola direzione.
Il prolasso della valvola mitrale è un difetto strutturale di una o entrambe le cuspidi valvolari che separano l’atrio sinistro dal ventricolo sinistro del cuore e che si chiudono in modo imperfetto facendo si che una piccola quota di sangue torni indietro attraverso la valvola durante la contrazione sistolica (insufficienza mitralica).
Causa del prolasso è una anomalia nella struttura del lembo valvolare interessato che presenterebbe,fin dalla nascita, una degenerazione “mixomatosa”:tale alterazione può essere presente in tutti i componenti di un gruppo familiare in quanto questa patologia genetica è multifattoriale e quindi molto difficile da sconfiggere.
I lembi “prolassati” non degenerano nel tempo, ma la disfunzione valvolare ,ove si verifichi,è talvolta molto più rapida e devastante sopratutto nei 2 anni successivi alla prima rilevazione del mormorio.

cavalier king cuore
Frequentemente i veterinari riescono a sentire questo ‘soffio’ facilmente con uno stetoscopio, ma l’esame più indicato e accurato per la diagnosi di prolasso valvolare mitralico è l’Ecocardiogramma che permette di descrivere il difetto valvolare e definirne il grado.
E’ consigliabile sottoporre i Cavalier King ad una visita cardiologica ogni 12 mesi a partire dal primo anno di età e di escludere dalla riproduzione quelli risultati positivi anche se manifestano un prolasso di grado lieve.
L’MDV non è l’unico tipo di soffio cardiaco che il Cavalier King Charles Spaniel può avere.
Altri includono mormora flusso innocenti, e mormora a causa di stenosi della valvola polmonare e stenosi della valvola aortica.
Inoltre, i cuccioli cavalier alla nascita possono soffrire di pervietà del dotto arterioso (PDA), che è sei volte più comune nel CKCS che in altri cani. Il PDA può essere una malattia terminale, se non tempestivamente corretta chirurgicamente.
Un team di veterinari provenienti da Danimarca, Svezia, Germania, Inghilterra e Francia ha registrato a settembre 2011 l’identificazione di due percorsi specifici sui cromosomi della razza cavalier ‘CFA13 e CFA14 che sono associate malattie ereditarie della valvola mitrale. E’ stato esaminato un campione di 139 cavalier con esordio precoce MVD e 102 CKCSs anziani con segni di lieve o assente MVD come controlli.
Poi hanno condotto uno studio sull’intero genoma di associazione per trovare percorsi specifici associati allo sviluppo di MVD.
Hanno anche dichiarato:
“Avvieremo studi di geni candidati più promettenti nelle 2 regioni candidato che speriamo ci porterà alle mutazioni che riguardano lo sviluppo della malattia della valvola mitrale”.
Tuttavia, nel novembre 2011, un team di cardiologi e genetisti del Regno Unito ha preso in esame 36 CKCSs diviso in gruppi di insorgenza di MVD precoce e tardiva e ha valutato se la distinzione è determinata da un ristretto numero di fattori genetici. Riferiscono che sono venuti fino a secco.
Hanno concluso:
“Non c’erano le regioni del homo altamente discrepanti / eterozigosi nei due gruppi. Allo stesso modo, non vi era alcuna prova di loci associati al mormorio della valvola mitrale in un genoma a livello di studio di associazione. Questa analisi suggerisce che la ricorrenza familiare del mormorio della valvola mitrale nel CKCS razza non è dovuto ad un effetto singolo gene importante, che indica che le strategie di allevamento per eliminare la malattia non può essere basata su informazioni genotipo in questo momento. ”
Nessun farmaco o integratore alimentare sono noti per prevenire l’insorgenza di MVD. Tuttavia, alcuni integratori possono rinviare il momento di esordio (sebbene non ci sia alcuna prova scientifica che lo facciano), tra cui:
– La vitamina C (300 a 400 mg. Giorno)
– Vitamina E – Tocoferolo (100 I.U. al giorno)
– CoQ10 (30 mg. Giorno)
– Oli di pesce ad alto contenuto di Omega 3 – come l’olio di salmone selvatico – (circa 400 mg al giorno).

Tutti i nostri riproduttori sono esaminati annualmente per l’MDV da veterinari accreditati FSA con l’esame ecodoppler

Per approfondimenti sulle cardiopatie che colpiscono i cani potete visionare la pagina della FSA