La Pancreatite nel Cavalier King Charles Spaniel

La pancreatite nel Cavalier king charles spaniel

Pancreas cavalier king

Pancreas cavalier king

 

La funzione principale del pancreas esocrino è la secrezione di enzimi digestivi e di altre sostanze che facilitano l’assorbimento dei principi nutritivi e di alcune vitamine e minerali. I principali enzimi digestivi si trovano nelle cellule del pancreas in forma inattiva( per impedire l’autodigestione del pancreas stesso!). Questi enzimi si attivano solo al momento del rilascio nell’intestino così che possono iniziare la loro funzione. Quando il pancreas si infiamma( pancreatite) succede che questi granuli di enzimi si “attivano” troppo presto provocando danni al pancreas e agli organi circostanti come stomaco duodeno e colon.
I segni clinici delle affezioni pancreatiche sono in genere aspecifici(per es. vomito , diarrea, perdita di peso..), colpisce cani di qualunque e razza di età media o avanzata. Indipendentemente dalla razza o dall’età, la maggior parte dei soggetti colpiti da pancreatite ACUTA è sovrappeso ed è collegata spesso alla recente ingestione di un pasto ad alto contenuto di grassi.
I sintomi possono essere lievi (l’animale non mangia, è depresso , ha dolore addominale, diarrea) o più gravi( vomito anche con sangue, forte dolore addominale, depressione e anoressia, disidratazione, diarrea con sangue) e possono condurre a shock o anche a morte nei casi più gravi.
Le cause scatenanti possono dipendere dalla nutrizione ( obesità e pasti ad alto contenuto lipidico), da fatti traumatici dell’addome, da predisposizioni di razza o del soggetto stesso ( forma idiopatica) , da farmaci ( es chemioterapici) o da un fatto ischemico ( di circolazione).
Dopo la diagnosi clinica, la pancreatite acuta deve essere subito trattata per impedire il peggioramento della situazione : Terapia con fluidi, riduzione della secrezione pancreatica, attenuazione del dolore, ESCLUSIONE della sommistrazione di qualsiasi cosa per via orale fino anche a 5 giorni.
Attacchi ricorrenti di pancreatite ACUTA costituiscono una pancreatite CRONICA.

pancreatite
Nei cani la pancreatite cronica viene trattata soprattutto con un rigido regime alimentare che prevede la somministrazione di una dieta altamente digeribile ad elevato contenuto di fibre e basso tenore di grassi e nei casi in cui è necessario, anche enzimi pancreatici e insulina.
Quando la capacità degli acini pancreatici di secernere gli enzimi digestivi viene persa in percentuale superiore al 90% ( insufficienza pancreatica esocrina) ne deriva la comparsa di segni clinici di malassimilazione delle sostanze nutritive : progressiva perdita di peso nonostante l’appetito sia conservato ( anzi spesso l’animale è vorace), feci che possono essere molli e voluminose o acquose e di colore tentende al giallo.
Spesso il malassorbimento e l’assenza di enzimi nel tratto intesinale( che fungono anche da antibatterici) porta a carenze vitaminiche e infezioni ricorrenti intestinali..
La terapia quindi prevede l’integrazione di enzimi pancreatici bilanciati ( lipasi -amilasi proteasi) ogni giorno e il ristabilimento degli squilibri nutrizionali.
Nella maggior parte dei casi questo regime terapeutico porta ad una prognosi favorevole per una buona qualità di vita.

fonte: http://www.maryscavalierking.com/