Oculopatie nel Cavalier King Charles Spaniel

Oculopatie nel Cavalier King Charles Spaniel

Le oculopatie di origine genetica che si manifestano più frequentemente nei Cavalier King Charles Spaniel sono le seguenti:

  • Cataratta
  • Displasia della retina
  • Distichiasi
  • Distrofia corneale
  • Macroblefaro
  • Microftalmia
  • Entropion
  • Cherato-congiuntivite secca

Cataratta – Opacità localizzata o diffusa della lente e/o della sua capsula. Se è completa e
bilaterale comporta cecità. Ai fini della selezione deve sempre essere considerata ereditaria se
non è possibile definirne una diversa causa (trauma, uveite, metabolica, nutrizionale, congenita
associata a persistenza della membrana pupillare o della struttura ialoidea).

Cataratta

Cataratta

Displasia della retina – Alterazione dello sviluppo della retina non progressiva, di solito
presente fin dalla nascita ma che si può verificare in fasi successive, comunque prima del
termine del suo sviluppo. Si può presentare in tre forme diverse, rispettivamente caratterizzate
dalla presenza di pieghe retiniche, aree di alterazione a forma geografica e distacco della
retina. In tutte tre si ritiene abbia origine genetica anche se non si conoscono ancora tutti i
meccanismi patogenetici in tutte le razze.

Distichiasi – Presenza di ciglia che nascono sul bordo delle palpebre e possono irritare
l’occhio per il contatto con la cornea e la congiuntiva.

Distrofia corneale – Condizione più o meno grave in rapporto al settore della cornea
interessato. Varia da un’opacità localizzata bilaterale che di solito non altera la funzione visiva
alla completa opacizzazione della cornea che diventa azzurra, inspessita e, a volte, deformata.

MacroblefaroFessura palpebrale particolarmente ampia, spesso associata a ectropion o difetti a “pagoda” del bordo palpebrale.

Microftalmia – Alterazione dello sviluppo dell’occhio che resta di dimensioni particolarmente piccole, spesso associata ad altre malformazioni

Entropion – Difetto di conformazione delle palpebre che sono parzialmente ribaltate verso
l’interno portando il pelo a contatto con la cornea e la congiuntiva. Le conseguenze possono
essere lievi (congiuntivite) o gravi (ulcere corneali a volte complicate).

Cherato-congiuntivite secca – Alterata composizione del film lacrimale che protegge la
cornea, prevalentemente caratterizzata da diminuita produzione della sua componente liquida.
Tale patologia impedisce agli occhi del Cavalier King di essere correttamente inumiditi, con conseguente bruciore agli occhi e cicatrici e ulcere dolorose della cornea che possono portare alla diminuzione della vista.
Il disturbo richiede l’uso quotidiano di farmaci.
Una forma più rara ma di gran lunga più grave della sindrome dell’occhio secco, in alcuni cuccioli di cavalier King Charles spaniel è la combinazione della sindrome da occhio secco e una malattia della pelle congenita chiamata sindrome da”pelo riccio” o “pelo ruvido”  (curly coat).

I disturbi degli occhi CKCS possono essere attribuiti alla forma brachicefala delle loro teste, uno studio del 1999 sui cavalier condotto da “Canine Eye Registration Foundation” mostrò che una media del 30% di tutti i CKCSs presi in considerazione ha problemi agli occhi.

Tutti i nostri soggetti sono esaminati per le oculopatie da un veterinario oculista accreditato FSA ed effettuiamo il test sul Dna per il curly coat dry eye presso il laboratorio britannico “The Animal Health Trust – Genetic Services”.

Fonte: Enci